L’evento si svolgerà in Sala EXPO alle ore 21.00. Con l’autore dialogherà Paola Artoni, storica dell’arte

Si terrà sabato 22 giugno a Ostiglia (MN), in Sala Expo alle ore 21.00, la presentazione del libro La tradizione di Marco Ronconi delle Edizioni Messaggero Padova (EMP). Con l’autore dialogherà Paola Artoni, storica dell’arte. L’incontro è organizzato dalla Biblioteca comunale di Ostiglia.

Il volume della collana “Mantenere la Parola” è un agevole e originale vademecum adatto a tutti che prende spunti dal rugby e da Spiderman, pesca qua e là dai testi di teologi e teologhe, e soprattutto dialoga con il magistero. L’autore, insegnante di religione e collaboratore di riviste, ha utilizzato un linguaggio semplice, ma al contempo approfondito, per raccontare come la «tradizione» nella storia della religione cattolica non è l’opposizione al cambiamento, ma un modo di vivere ciò che cambia. Ronconi, ostigliese doc, ripercorre così in maniera originale la Tradizione biblica, con l’intento di divulgarne le sfumature e le ricadute anche per l’uomo di oggi.

In particolare, per quanto riguarda la teologia, il termine assume una serie di sfumature non irrilevanti, ovvero: uno dei nomi con cui crediamo che Dio si prenda cura della storia; un complesso di gesti fragili e potenti con cui cerchiamo di essere fedeli al mandato di Gesù il Cristo; un insieme variopinto di contenuti su cui è quasi inevitabile litigare e dividerci.

Il libro è strutturato in quattro intensi capitoli: 1. Di cosa parliamo quando parliamo di tradizione (Un clima di motivato sospetto e una raffica di domande – Essere di famiglia nobile – Maiuscole, minuscole, plurali e altre distinzioni utili); 2. Il gesto di tramandare (L’attore protagonista: lo Spirito Santo; Eredità senza testamenti; L’attrice non protagonista: la Chiesa); 3. Ciò che è tramandato (Il Vangelo; La rivelazione; Una conflittualità generatrice; L’esperienza della fede); 4. Una frattura che genera possibilità.

Scrive l’autore: «Tradizione è una parola che gode di fortune e simpatie alterne, anche nei mondi ecclesiali. […] Aggiungiamo poi che le tradizioni rimandano quasi automaticamente al passato, spesso percepito lontano, ma tra la percezione e la realtà può esserci una discreta distanza. […] Tradizione, insomma, è una parola ambivalente, spesso equivoca e non raramente divisiva. A scanso di equivoci, lo è da sempre. Nella lingua latina, ad esempio, il verbo tradere, da cui deriva traditio (tradizione), esprimeva azioni con sfumature molto differenti, se non contrarie: significava infatti consegnare, ma sia nel senso più nobile di affidare, trasmettere, sia in quello meno valoroso di tradire, abbandonare».

La collana EMP “Mantenere la Parola”, diretta da Giuliano Zanchi, propone temi cristiani fondamentali aggiornati alla condizione dell’uomo contemporaneo. In altre parole, una sintesi del cristianesimo per il nostro tempo in un linguaggio accessibile a tutti coloro che sentono il bisogno di una sapienza capace di nutrire la fede e i pensieri.

Alessandra Sgarbossa

BIO dell’autore

Marco RONCONI, originario di Ostiglia (MN), insegna religione in un liceo di Roma e teologia presso l’Istituto Leoniano di Anagni (FR). Collabora con il Centro «A. Hurtado» della Pontificia Università Gregoriana di Roma e con la rivista «Jesus». Tra le sue pubblicazioni: Incantare le Sirene. Chiesa, teologia e cultura in scena (con Stella Morra), EDB 2019; Teologia da bar, Effatà 2022.

DATI BIBLIOGRAFICI

Titolo: La Tradizione

Sottotitolo: Una frattura che genera possibilità

Autore: Marco Ronconi               

Argomento: Teologia e cultura religiosa      

Collana: Mantenere la parola     

Editore: Edizioni Messaggero Padova


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *